EUROPA, SOCIETÀ IN HOUSE

Riforma PA ed attuazione Direttiva 2014/24/UE, rivoluzione in vista per le partecipate

Drastica sforbiciata, con chiusura, liquidazione o fusione, per le società partecipate in rosso o inattive, ma anche per quelle che per tre anni consecutivi abbiano registrato un fatturato medio sotto il milione di euro. È questa una delle norme-chiave del decreto attuativo della riforma Madia dedicato specificamente alla Continua a leggere

SINDACATI

Salario minimo legale anziché contratti collettivi nazionali, il Governo interviene

Dopo la legge di Stabilità saranno scritte le nuove regole della contrattazione. A farlo sarà quasi certamente il Governo, senza sindacati e Confindustria. Non era mai successo prima. Il modello contrattuale è sempre stato concordato tra le parti sociali sulla base dei rapporti di forza, delle reciproche convenienze Continua a leggere

SOCIETÀ IN HOUSE

Partecipate, ecco i tagli del Governo: entro un anno liquidate 3.200 società

Un anno di tempo. Poi una miriade di società partecipate dagli enti locali, fino a 3.200 in tutto, potrebbero essere cedute o liquidate. Uno dei tasselli fondamentali della riforma Madia della Pubblica amministrazione sta per essere posato. Il decreto attuativo per la razionalizzazione del variegato universo del capitalismo  Continua a leggere

REGIONE LAZIO, SOCIETÀ IN HOUSE

Valorizzazione del personale Lazio Service, le risposte della Giunta

Consiglio regionale del Lazio, resoconto stenografico della seduta pubblica n. 45 (2^ sessione) di martedì 22 settembre 2015. Interrogazione a risposta immediata su “Lazio Service S.p.A., mancata valorizzazione del personale e chiarimenti in merito alle procedure per l’attribuzione delle funzioni di responsabile. Continua a leggere

SINDACATI

Contratti collettivi nazionali: rebus rinnovi per 6 milioni e mezzo di lavoratori

Sono oltre 6 milioni e mezzo i lavoratori dipendenti italiani che si aspettano il rinnovo dei loro contratti nazionali collettivi di lavoro. Una volta la si sarebbe definita la ricetta perfetta per un autunno caldo, all’insegna di scioperi finalizzati a conquistare aumenti salariali o miglioramenti normativi. Non è detto che vada Continua a leggere